Tartufo Bianco Pregiato del Molise

Tartufo Bianco Pregiato del Molise

Il Tartufo Bianco Pregiato è considerato il Tartufo per antonomasia.

Molise Tartufi sceglie rigorosamente il Tartufo Bianco MoliSano, raccolto fresco, da cavatori specializzati.

Il Molise arriva fino al 60% della produzione nazionale del Tartufo Bianco Pregiato.

Tuber Magnatum Pico (nome scientifico)

Detto comunemente tartufo bianco pregiato, in Molise, raggiungere dimensioni da Guinness, sia di peso che di misura.

Il Tartufo Bianco Pregiato, confuso con il tubero, nella realtà è un fungo ipogeo, ossia che cresce spontaneamente in ambiente sotterraneo.

Le componenti fondamentali del Tartufo Bianco:

  • Il peridio, la parte più esterna del Tartufo, di colore giallo, a volte di colore verde, a diretto contatto con il terreno subisce cambiamenti in base alla pianta vicino a cui nasce, al periodo di raccolta, al grado di maturazione, la composizione del terreno e l’andamento climatico stagionale.
  • La gleba, la parte interna, di colore della nocciola, quando raggiunge la maturità, con venature bianche che possono assumere il colore della ruggine.

Del Tartufo Bianco Pregiato, è difficile descrivere, a parole, il suo inconfondibile ed indescrivibile profumo, note caratteristiche, in cui si fondono sorprendenti equilibri tra, aroma di miele, odore dell’aglio e intenso profumo boschivo dei funghi.

Il tartufo bianco cresce in ambiente boschivo particolarmente ricco di humus, in simbiosi con querce, lecci, salici e pioppi, il terreno di coltura presenta elevati quantitativi di calcio oltre ad un tasso di un’umidità costante per buona parte dell’anno, condizioni presenti nell’Appennino MoliSano.


Rispetto al tartufo nero, non è solo il colore lo contraddistingue, anche il gusto prelibato e per l’odore più intenso. Oltre ad essere più raro di conseguenza un prezzo maggiore.

Il gusto è più gradevole, particolare ed intenso, quando raggiunge la maturazione l’aroma che sprigiona è forte, pregnante, appagante ed eccitante per le narici, di sicuro un Tartufo unico nel suo genere!

Definito il  “diamante” della cucina, sapore e profumo particolare lo hanno portato ad essere apprezzato dalla clientela degli chef di tutto mondo. Deve essere tassativamente consumato crudo.

Il prezzo

La valutazione del Tartufo Bianco Pregiato, si ottiene in base a una sere di parametri, disponibilità, maturazione, forma, grandezza, peso, la variazione è settimanale, a volte, anche giornaliera.

La pezzatura

Il mercato suddivide le pezzature in tre scaglioni:

  • 0 g e 30g;
  • 30g e 50g;
  • da 50g. in su
La raccolta

Il periodo di cavatura, in Molise, va dal 01 ottobre al 31 dicembre, Il periodo di migliore maturazione è da metà ottobre, fino a fine dicembre.

Per il Tartufo Bianco Pregiato è di fondamentale importanza effettuarla con il supporto del cane, in mancanza, sarebbe quasi impossibile effettuare la ricerca.

Il Molise, grazie ai luoghi che per loro conformazione, altitudine, esposizione, clima, ne permettono la riproduzione, territori incontaminati e poco sfruttati.

Il Tartufo Bianco Pregiato è delicato e facilmente deperibile, va trattato con molta cura e delicatezza. Dal momento della raccolta bisogna va consumato entro 3-5 giorni, avendo cura di conservato correttamente, il passare dei giorni, farà perde il suo meraviglioso aroma, il sapore e non ultimo il peso.

Il Tartufo Bianco MoliSano

La spedizione

Per il Tartufo Bianco Pregiato, sono necessarie alcune importanti ed essenziali condizioni:
disponibilità del prodotto fresco, appena cavato, tenendo conto della deperibilità e della delicatezza, il Tartufo dev’essere spedito in giornata di raccolta, al massimo entro le 24 h. successive.

L’imballo deve essere appropriato e ne deve garantire conservazione, freschezza, oltre ad eventuali danneggiamenti dovuti al trasporto.

Le tempistiche sono importantissime, cavatura, spedizione e consegna dovrebbero avvenire nel più breve tempo possibile 24/48 h. al massimo.

Conservazione e Pulizia del Tartufo Bianco Pregiato

Fondamentale: deve essere consumato nel più breve tempo possibile.

Il Tartufo fresco, può essere conservato in frigorifero per alcuni giorni, 3/4 al massimo, il passare del tempo, fa perdere peso ed aroma al Tartufo.


Consiglio per la conservazione in frigo:
 conservato perfettamente, comunque, tenderà a seccare ed indurire, durante la conservazione in frigo, cambiare giornalmente la carta assorbente utilizzata.

Riporlo in un contenitore di vetro, chiudere ermeticamente con il tappo, servirà sia ad evitare l’aggressione dell’ossigeno e ad evitare di “aromatizzare” il contenuto del frigorifero.

E’ consigliabile effettuare la pulizia del tartufo bianco pregiato poco prima dell’utilizzo. Utilizzare uno spazzolino da denti a setole morbide, tenendo il tartufo sotto un filo di acqua corrente, evitare forti pressioni, effettuare la pulizia con cura e delicatezza.

Consigli per l’acquisto del Tartufo Bianco Pregiato

Quando decidiamo di acquistare un prodotto delicato e costoso come il Tartufo Bianco, è consigliabile utilizzate i sensi, vista, olfatto, tatto, così da selezionare un Tartufo che non delude.

Aspetti che molti ignorano.

Vista
Analizza visivamente l’integrità, il tartufo integro si deteriora meno rapidamente.
Valuta la quantità di terra che lo ricopre, il tartufo non deve essere pulito, ma nemmeno interamente coperto, l’odore della terra può mascherare eventuali deterioramenti.
L’estetica del Tartufo, verrucosi o lisci, non pregiudica in alcun modo il sapore.

Tatto
Con il tatto si valuta la consistenza, un buon tartufo è compatto e leggermente elastico.

Olfatto
Con l’olfatto valutiamo la complessità degli aromi del tartufo bianco.
L’insieme di sensazioni, intensità e ampiezza, influenzate dalla pianta con cui ha vissuto in simbiosi, la quercia dona al tartufo un profumo persistente e di maggiore conservazione, mentre più aromatico e chiaro è quello del tiglio.

Il Tartufo Bianco dona aromi del tipo: fermentato, fungo, miele, fieno, aglio, spezie, terra bagnata e ammoniaca.

Ricette

Una ricetta classica è l’uovo fritto con tartufo.

Presto arricchiremo con ulteriori ricette nella sezione dedicata.

Consiglio: conservare per una notte/giornata l’uovo insieme al tartufo, la porosità del guscio, aromatizzerà anche l’uovo stesso, al momento della cottura, l’uovo avrà già in sé il sapore del tartufo fresco. 
Aggiungere il tartufo bianco, a fette o a scaglie, quando l’uovo è già impiantato.

Il tartufo bianco pregiato MoliSano ha un profumo molto intenso, una piccola quantità da aroma e sapore alla pietanza, se cucinato perde, tutte le sue caratteristiche organolettiche ed olfattive. Il suo utilizzo migliore è affettato a crudo sul piatto preparato.

Shopping Cart